Ue non considera piano d'emergenza di aiuti per Irlanda

martedì 28 settembre 2010 19:03
 

BRUXELLES, 28 settembre (Reuters) - Non viene presa in considerazione l'ipotesi di un piano di fondi di emergenza per l'Irlanda nell'Eurozona. E' quanto ha dichiarato oggi il portavoce della Commissione Europea Amadeu Altafaj.

Il costo dei prestiti in Irlanda è nuovamente salito oggi dopo che due agenzie di rating del credito hanno avvertito che il suo debito è a rischio di ulteriori riduzioni, aumentando la pressione sul governo nel far progredire il proprio budget.

L'Irlanda si sta battendo per convincere gli investitori che può riuscire a puntellare il proprio settore bancario e tagliare il più grosso deficit nel bilancio dell'Unione Europea, malgrado un'economia debole e rischi crescenti di una crisi politica.

Alla domanda se ci sia una possibilità che l'Irlanda possa attingere al fondo d'emergenza dell'Eurozona da 440 miliardi di euro - l'European Financial Stability Facility (Efsf) istituito per aiutare i membri dell'Eurozona che hanno problemi a finanziarsi sul mercato - Altafaj ha detto: "Questo argomento non viene preso in considerazione". Ed ha aggiunto che la Commissione è fiduciosa nel fatto che Dublino possa fare quanto necessario per riconquistare la fiducia del mercato.