23 settembre 2010 / 14:29 / 7 anni fa

PUNTO 1-Francia, oggi nuovo sciopero contro riforma pensioni

(aggiorna con dichiarazioni, sondaggi, impatto sui trasporti)

PARIGI, 23 settembre (Reuters) - I sindacati francesi hanno realizzato oggi il secondo sciopero di 24 ore in un mese contro l‘impopolare riforma delle pensioni del presidente Nicolas Sarkozy, nella speranza di costringere il governo a rivedere il piano che alza l‘età pensionabile da 60 a 62 anni.

L‘astensione dal lavoro ha provocato disagi nelle scuole e costretto le linee aeree a cancellare il 40-50% dei voli. Disagi anche per i servizi ferroviari locali, mentre le linee internazionali non registrano particolari problemi.

I sindacati sperano che la manifestazione abbia un seguito uguale o superiore di quello registrato il 7 settembre scorso e obblighi il governo a rivedere la riforma

“Se il governo non dovesse modificare la sua posizione intransigente, sarà ovviamente nostro compito e responsabilità come sindacato prevedere altre iniziative”, ha detto Bernard Thibault, capo del sindacato Cgt.

Secondo i sindacati francesi, 2,5-2,7 milioni di persone hanno partecipato alle proteste del 7 settembre, mentre per polizia erano 1,1 milioni, un numero comunque importante.

I manifestanti oggi sono scesi in piazza in varie città in tutto il paese e secondo i media la quantità di gente è pari almeno a quella dell‘ultima volta.

Quasi la metà dei voli è stata cancellata all‘aeroporto parigino Charles de Gaulle e il 40-50% dei voli è stato cancellato in altre regioni, secondo le autorità aeroportuali.

Anche per i treni ci sono state parecchie cancellazioni, mentre la rete Eurostat che collega la Francia alla Gran Bretagna funziona regolarmente. La metro di Parigi funziona per i tre quarti del servizio.

Lo sciopero ha provocato modifiche anche alla programmazione delle radio France info e France inter.

Il ministro del Lavoro Eric Woerth, che ha il compito di far passare il decreto in parlamento, ha assicurato che si andrà avanti in ogni caso perché non ci sono alternative.

“Se non riformiamo, non saremo in grado di pagare le pensioni ai francesi”, ha detto ieri il ministro.

I sindacati si riuniranno domani per decidere quale sarà la prossima mossa.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below