Francia, oggi nuovo sciopero contro riforma pensioni di Sarkozy

giovedì 23 settembre 2010 10:56
 

PARIGI, 23 settembre (Reuters) - I sindacati francesi hanno lanciato oggi il secondo sciopero di 24 ore in un mese contro l'impopolare riforma delle pensioni del presidente Nicolas Sarkozy, nella speranza di costringere il governo a rivedere il piano che alza l'età pensionabile da 60 a 62 anni.

Lo sciopero è iniziato ieri sera su diverse linee ferroviarie intercity, lasciando alcuni passeggeri nelle stazioni, e si è esteso rallentando in tutto il paese il traffico mattutino dei pendolari. L'agitazione non ha alterato invece la maggioranza dei voli e dei treni internazionali.

I principali disagi si dovrebbero far sentire nelle scuole e in altri servizi pubblici mentre i sindacati sperano che le manifestazioni riescano ad avere un seguito superiore di quello registrato il 7 settembre scorso.

"Il numero di manifestanti sarà decisivo per il futuro del movimento", ha detto alla radio Rmc Francois Chereque, capo del sindacato Cfdt, aggiungendo di aspettarsi ancora più persone per le strade di Parigi.

I sindacati francesi hanno detto che 2,5-2,7 milioni di persone hanno partecipato alle proteste del 7 settembre, mentre la polizia ha stimato che ci fossero invece 1,1 milioni di manifestanti.

Secondo le autorità, in quella occasione, era stato cancellato quasi un volo su due in partenza dagli aeroporti della capitale, ma anche di altre città. Anche la metà dei treni era stata annullata, nonostante il normale funzionamento dei treni con destinazioni internazionali.

Il ministro del Lavoro Eric Woerth, che ha il compito di far passare il decreto in parlamento, ha promesso che si andrà avanti in ogni caso. "Non abbiamo cambiato. Siamo molto decisi per quanto riguarda il nodo principale della riforma, che è l'età (pensionabile)", ha detto ieri.