Francia, Camera approva aumento dell'età pensionabile a 62 anni

venerdì 10 settembre 2010 20:48
 

PARIGI, 10 settembre (Reuters) - L'Assemblea dei deputati francese ha votato oggi l'innalzamento da 60 a 62 anni dell'età pensionabile, punto-chiave della riforma delle pensioni voluta dal governo che ha provocato vaste proteste nel Paese.

L'Ump, il partito conservatore del presidente Nicolas Sarkozy, ha approvato la misura con un'ampia maggioranza grazie anche al sostegno del partito del Nuovo Centro.

"Siamo chiaramente contrari a questa misura ingiusta che è totalmente inappropriata rispetto alla realtà sociale del nostro paese", ha detto Marisol Touraine, esponente del partito socialista, all'opposizione, che ha già promesso di abolire il provvedimento se vincerà le elezioni del 2012.

La misura porterà l'età legale minima per la pensione a 62 anni nel 2018, con un aumento di 4 mesi l'anno rispetto all'attuale soglia dei 60 anni, stabilita nel 1983 dalla riforma dell'allora governo socialista.

Sarkozy, che nei sondaggi è indietro rispetto ai leader socialisti, ha rifiutato di modificare l'età minima pensionabile facendo invece alcune concessioni sui lavori usuranti o su quei lavoratori che hanno iniziato a in giovane età.

Per i sindacati però non è abbastanza, e un nuovo sciopero generale, dopo quello che martedì scorso ha portato in piazza quasi 3 milioni di persone (1 milione secondo il governo) hanno annunciato un nuovo sciopero generale per il 23 settembre.