Calabria ha sanità omerica: conti tramandati a voce - Tremonti

giovedì 9 settembre 2010 20:38
 

ROMA, 9 settembre (Reuters) - Nuovo affondo di Giulio Tremonti verso la mala amministrazione nel Sud, soprattutto in Calabria dove i conti del bilancio sanitario sono "tramandati a voce", come i miti dell'Odissea omerica.

"Secondo me nel Mezzogiorno deve tornare lo Stato. Il Federalismo è un'idea di maggiore controllo, ma prima del Federalismo nel Sud ci vuole lo Stato", dice il ministro dell'Economia partecipando ad Atreju, la festa dei giovani del Pdl.

Già una volta Tremonti aveva attaccato le amministrazioni del Sud, accusate di cialtroneria per non saper utilizzare i fondi messi a disposizione dall'Europa. Il ministro torna ora sul tema e critica soprattutto l'amministrazione calabrese.

"Ci sono voluti quattro anni per fare il Passante di Mestre e ora ci passi, ci sono voluti quattordici anni per la Salerno Reggio Calabria e ora comunque non ci passi", dice il ministro.

"La Calabria non ha una contabilità della sanità, abbiamo dovuto mandare la Guardia di finanza a ricostruire i conti".

"Non è possibile che una grande regione del Mezzogiorno non abbia una sua contabilità. È un po' come Omero: i racconti non erano scritti ma tramandati a voce", continua il ministro.

"La Calabria non ha strade, non ha autostrade pur avendo i fondi. Allora ti chiedi se puoi continuare così o devi cambiare", conclude Tremonti.