Brasile, candidata presidente sinistra aumenta distacco sondaggi

giovedì 26 agosto 2010 14:21
 

BRASILIA, 26 agosto (Reuters) - La candidata del partito di governo brasiliano Dilma Rousseff ha aumentato il suo vantaggio nei confronti del suo rivale più vicino per le elezioni presidenziali del prossimo 3 ottobre, con incrementi di consensi anche nelle ex roccaforti delle opposizioni, che le potrebbero permettere una vittoria al primo turno.

Secondo un sondaggio della Datafolha su 10,948 persone, pubblicata oggi sul quotidiano Folha de S. Paulo, Rousseff, che appartiene al partito dei Lavoratori del presidente in carica Inacio Lula da Silva, gode del 49% dei favori, con il primo rivale Jose Serra fermo al 29. Un distacco in crescita rispetto all'ultimo sondaggio datato 21 agosto, che rilevava un rapporto di 47-30.

"I dati indicano che lei ora è avanti in regioni che erano tradizionalmente territori legati a Serra", ha commentato il giornale. "Il candidato del partito dei Lavoratori è davanti negli stati di San Paolo e Rio Grande do Sul e tra gli elettori con i più alti livelli di reddito".

Tra i motivi di tale successo c'è stata l'abilità di Lula a trasferire la sua grande popolarità sulla candidata, ex membro del suo governo, sostenendo che continuerà le sue stesse politiche che hanno permesso al paese di raggiungere i livelli occupazionali più alti dagli anni 60.

Il vantaggio, che si pensa possa crescere ancora, potrebbe permettere a Rousseff una vittoria al primo turno il 3 ottobre, impresa non riuscita neanche a Lula. Secondo gli analisti, ciò le garantirebbe maggiore forza per portare a termine dei punti programmatici come la revisione delle leggi sull'estrazione di petrolio, gas e minerali, per aumentare gli introiti statali, o la creazione di conglomerati economici a forte partecipazione pubblica.