Galan chiede a maggioranza "minimo di dignità" su quote latte

lunedì 12 luglio 2010 12:56
 

ROMA, 12 luglio (Reuters) - Dopo aver minacciato nei giorni scorsi le dimissioni se la maggioranza di centrodestra dovesse approvare un emendamento che blocca il pagamento delle multe italiane per le cosiddette "quote latte", oggi il ministro delle Politiche Agricole Giancarlo Galan dice che "bisogna tenere duro" e invita la maggioranza ad avere "un minimo di dignità".

Intanto, anche se la presidenza del Consiglio ha emesso nei giorni scorsi un parere con cui boccia il blocco del pagamento delle multe dovute alla Ue per l'eccedenza di produzione, l'emendamento presentato dal relatore di maggioranza non è stato ancora ritirato.

"Riguardo alle quote latte bisogna tenere duro", ha detto in un comunicato Galan, che si trova a Bruxelles per un vertice dei ministri agricoli .

"Spero che la maggioranza di Governo abbia un minimo di dignità e tenga conto del monito del Commissario europeo all'agricoltura Dacian Ciolos (che ha chiesto all'Italia di ritirare l'emendamento, pena una procedura di infrazione). Con quale autorevolezza altrimenti un Ministro può affrontare una battaglia come questa per la politica agricola comune? Con quale faccia si presenta in un consesso europeo quando in Italia deliberatamente i parlamentari della maggioranza vanno contro le norme europee?".

Il ministro ha aggiunto di essere a Bruxelles "per dare una sensazione di serietà alla presenza italiana in Europa, mentre là viene difeso un piccolo manipolo di trasgressori. Si dimetta chi causa multe e sanzioni europee al nostro Paese".

Una fonte del ministero ha detto oggi che il ministro spero che il governo corregga la situazione con il maxiemendamento atteso entro mercoledì prossimo.