Repubblica Ceca: no a euro fino a risoluzione problemi debito

mercoledì 16 giugno 2010 12:16
 

PRAGA, 16 giugno (Reuters) - Il nuovo governo ceco non indicherà una data per l'adozione della moneta unica europea fino a che gli attuali membri della zona euro non rispetteranno le misure del Trattato di Maastricht applicate a chi vuole entrarvi. Lo ha detto oggi un importante dirigente di uno dei partiti che partecipano ai negoziati per il nuovo esecutivo.

Il Trattato Maastricht prevede che i paesi che intendano adottare l'euro debbano avere un deficit di bilancio inferiore al 3% del Pil, e un debito pubblico inferiore al 60%.

Il Partito Civico Democratico, di destra, i conservatori del Top09 e i centristi di Affari Pubblici, che hanno ottenuto una forte maggioranza parlamentare alle elezioni del 28-29 maggio sono impegnati in negoziati per formare una coalizione.

"Abbiamo concordato di non indicare per il momento una data per l'ingresso nell'euro. La condizione per fissare una tale data nel futuro è che il Trattato di Maastricht sia rispettato nella stessa eurozona", ha detto Viktor Paggio, membro di una delle delegazioni che partecipano al negoziato.