Vendite scoperto e Cds, Bersani (Pd) chiede a governo intervento

mercoledì 9 giugno 2010 16:05
 

Roma, 9 giugno (Reuters) - Il segretario del Partito democratico Pier Luigi Bersani ha chiesto oggi al governo di intervenire sulle vendite allo scoperto e sui Cds (credit default swap), in linea con altri Paesi come la Germania, per dare "un segnale forte e univoco ai mercati".

"Vorrei comprendere cosa pensi il governo italiano dell'iniziativa di [il cancelliere tedesco Angela] Merkel e [del presidente francese Nicolas] Sarkozy che chiedono alla Commissione europea di accelerare la riforma dei mercati finanziari", ha detto il leader del più grande partito di opposizione in una nota.

"Per quel che ci riguarda, pensiamo che intervenire su vendite alla scoperto e Cds sia assolutamente necessario e urgente".

"Mi auguro quindi che il governo voglia prendere a sua volta una iniziativa che aiuti l'Europa a dare un segnale forte e univoco ai mercati", ha concluso Bersani.

I due leader hanno inviato oggi una lettera al presidente della Commissione europea José Manuel Barroso chiedendo controlli in particolare su Cds e short-selling e ipotizzando di metterli al bando in tutta la Ue.