Ucraina: possibile avvicinamento a Russia se salta prestito Fmi

martedì 8 giugno 2010 11:30
 

KIEV, 8 giugno (Reuters) - L'Ucraina potrebbe cercare di ottenere prestiti dalla Russia e da altri paesi nel caso in cui il Fondo Monetario Internazionale non dovesse confermare il prestito da 19 miliardi di dollari (circa 16 miliardi di euro), ha detto ieri sera il vice primo ministro ucraino Sergey Tigipko.

Manifestando le insicurezze del nuovo governo circa le trattative con il Fmi per i fondi finalizzati alla realizzazione di riforme radicali, Tigipko ha detto in una trasmissione televisiva che il paese dell'ex unione sovietica avrebbe comunque altre opzioni.

"Sono sicuro avremo un programma del Fmi (ma) possiamo considerare il caso teorico in cui non dovessimo ottenere un prestito del Fmi, non succederebbe niente di drammatico", ha detto durante un programma della televisione locale Ictv, aggiungendo che relazioni bilaterali con la Russia e altri paesi potrebbero essere un'alternativa.

Il Fmi, che secondo Tigipko rimane comunque la scelta preferenziale, vuole che l'Ucraina tagli drasticamente il deficit di bilancio attraverso una serie di misure impopolari, come ad esempio l'aumento delle tariffe sui servizi pubblici, che potrebbero essere invise al nuovo presidente Viktor Yanukovich.