Grecia, Frattini: Ue su orlo del baratro ma intervento efficace

giovedì 3 giugno 2010 17:52
 

FIRENZE, 3 giugno (Reuters) - Il ministro degli Esteri Franco Frattini ha detto oggi che nel corso dell'ultima crisi l'Europa si è fermata sull'orlo del baratro, mostrando però di saper reagire anche se con ritardo.

"Con la Grecia abbiamo rischiato il baratro dell'insuccesso, ci siamo fermati sul ciglio del baratro: un passo più avanti e avremmo dato agli speculatori l'idea che l'Europa può essere un teatro da attaccare", ha detto Frattini all'Istituto universitario europeo di Fiesole. "Fortunatamente quell'enorme attacco speculativo che era partito ha rallentato", ha detto ancora il ministro. "L'Europa è stata attaccata dalla speculazione e abbiamo visto al tempo stesso la debolezza del sistema ma anche la forza che il sistema può avere se reagisce come ha reagito, con efficacia. L'Europa avrebbe potuto reagire con maggiore velocità, ma ha reagito con efficacia". "Da questo dobbiamo trarre una lezione, la lezione che il ritardo è dovuto a logiche nazionali e alla difficoltà di decidere all'unanimità che ancora oggi è necessaria quando si adottano certe decisioni", ha detto ancora il capo della Farnesina, secondo cui davanti alla crisi greca si è creata una "solidarietà comunitaria" a partire dalla "unione forte di Italia, Francia e Germania", i tre paesi fondatori che "sarebbero stati più esposti a pagare il prezzo della caduta di altri paesi". "Francia, Italia e Germania hanno capito che lasciare che dopo la Grecia" la speculazione attaccasse "ad esempio il Portogallo, sarebbe stato un prezzo troppo caro da sostenere", ha concluso Frattini.