PUNTO 1 - Regno Unito agirà a sostegno mercati, ma non dell'euro

domenica 9 maggio 2010 16:00
 

(aggiunge dettagli)

LONDRA, 9 maggio (Reuters) - Il ministro britannico delle Finanze Alistair Darling ha detto oggi che è importante fare tutto ciò che è possibile per stabilizzare i mercati finanziari, ma che il suo paese non fornirà supporto all'euro.

Secondo alcune fonti diplomatiche, comunque, la Gran Bretagna non farebbe obiezioni sui due meccanismi di gestione della crisi allo studio dei ministri delle Finanze Ue.

Darling è a Bruxelles, dove l'Unione Europea sta discutendo della possibilità di un nuovo meccanismo di stabilizzazione europea per cercare di convincere i mercati che l'euro è una moneta stabile ed evitare la diffusione di altre crisi del debito come quella greca.

"Oggi dobbiamo mostrare di nuovo che agendo insieme possiamo rendere stabile la situazione, non vogliamo mettere in pericolo la ripresa che sta lentamente arrivando. E faremo la nostra parte", ha detto il ministro ai giornalisti.

"Ma quando si tratta di sostenere l'euro, ovviamente ciò riguarda i paesi della zona euro", di cui la Gran Bretagna non fa parte.

Secondo alcune fonti europee, oggi i 27 ministri potrebbero decidere di estendere alla zona euro il meccanismo di aiuto alla bilancia dei pagamenti che esiste già per i paesi che non hanno adottato la moneta unica, e anche adottare una serie di prestiti intergovernativi riservati alla zona euro.

"I britannici non hanno alcun problema sul primo punto. Ritengono di avere un interesse reale ad assicurare la stabilità della zona euro", ha detto una fonte che ha seguito le orime discussioni tra ministri.

"Sul secondo (punto), non sono direttamente interessati e vogliono semplicemente avere dei dettagli sulle eventuali implicazioni indirette".

Una seconda fonte europea ha detto che sui due dossier "Londra non ha problemi".