PUNTO 2-Grecia, 3 morti nelle proteste, zona euro teme contagio

mercoledì 5 maggio 2010 21:26
 

(aggiunge dettagli, dichiarazione Papandreou)

di Renée Maltezou e Dave Graham

ATENE/BERLINO, 5 maggio (Reuters) - Tre persone sono morte oggi nell'incendio appiccato ad una banca in centro ad Atene da alcuni dei manifestanti in marcia contro le misure di austerity varate dal governo greco, mentre l'Europa ammonisce sui rischi di "contagio" della crisi del debito -- che potrebbe diffondersi ad altri paesi -- e gli investitori fuggono con i loro capitali verso il paradiso sicuro del dollaro.

Lo sciopero dei settori pubblico e privato in Grecia ha portato alla chiusura di aeroporti, siti turistici e servizi pubblici. Circa 50mila persone hanno marciato contro i tagli programmati a stipendi e pensioni e contro l'aumento delle tasse.

Una gigantesca nube di denso fumo nero si è alzata dalla centrale via Stadiou, dove un edificio di due piani, che ospita una filiale della banca Marfin MRBr.AT, è stato dato alle fiamme. Tre persone, tra cui una donna incinta, sono morte.

Centinaia di manifestanti hanno lanciato sassi e bottiglie contro la polizia, che ha risposto con i lacrimogeni.

"Siamo profondamente scioccati dalla morte ingiusta di queste tre persone, nostri concittadini, vittime di un atto omicida", ha commentato il primo ministro George Papandreou.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha spiegato al Parlamento a Berlino che il destino dell'Europa non può prescindere dalla più seria crisi in 11 anni di euro e che altri paesi potrebbero essere colpiti se non sarà dato soccorso alla Grecia.

Anche il commissario Ue per gli affari monetari Olli Rehn ha detto che è vitale evitare che la crisi si diffonda oltre la Grecia.   Continua...