Grecia, sindacati "intensificheranno" lotta, allungano scioperi

lunedì 3 maggio 2010 18:14
 

di Renee Maltezou e Harry Papachristou

ATENE, 3 maggio (Reuters) - Il principale sindacato del settore pubblico greco ha minacciato oggi di rafforzare l'opposizione alle misure di austerity, allargando le proteste e gli scioperi che metteranno in discussione il governo e il suo accordo con l'Unione Europea e l'Fmi.

Il sindacato Adedy, che rappresenta circa mezzo milione di impiegati pubblici, ha puntato il dito contro i tagli ai salari e alle pensioni, dicendo di essere pronto a uno sciopero di 48 ore a partire da domani, al posto della manifestazione che inizialmente era stata concepita per durare solo un giorno.

"Queste misure sono un disastro, ci porteranno a una recessione peggiore o anche alla bancarotta. Il governo sta rapinando i nostri salari e le nostre pensioni", ha detto a Reuters Despina Spanou, membro del direttivo di Adedy. "Aumenteremo le proteste, combatteremo queste politiche".

Il governo del primo ministro George Papandreou ha presentato domenica un accordo di austerity con l'Unione Europea e il Fondo Monetario Internazionale, consistente in tagli nel settore pubblico per ridurre il rilevante deficit di bilancio. In cambio, Atene dovrebbe ricevere un supporto finanziario di 110 miliardi di euro nei prossimi tre anni, misura finalizzata a calmare i timori di default.

"Nessuno sa quanto forte sarà la reazione", ha detto Yannis Stournaras, capo della Fondazione per la Ricerca Economica di Atene. "Ma la forza dei socialisti sta nel controllo dei sindacati. Nessun altro partito potrebbe far passare un programma così duro".

Oggi, il presidente greco Karolos Papoulias ha avvertito Papandreou di tenere in considerazione i problemi di corruzione che costano ogni anno circa 750 milioni di euro secondo recenti studi.

"Sono sicuro che la popolazione greca risponderà bene, ma ha bisogno di essere convinta che sarà fatta giustizia, che l'evasione fiscale sarà spazzata via", ha detto Papoulias.

Durante l'incontro tra Papoulias e Papandreou, Sampsanis Ioannis, 49enne dottore in un ospedale pubblico, ha detto che i greci hanno subito abbastanza.

"Ho cinque figli, lavoro tutto il giorno e guadagno 1.020 euro netti al mese. Le misure sono crudeli e inumane, le persone non possono sopportare altro, si ribelleranno", ha detto.

La storia della Grecia è stata costellata da proteste violente e l'attuazione delle misure presentate dipenderà anche dalla reazione pubblica.