Cig,estensione non serve e costa, polemiche solo da Cgil-Sacconi

venerdì 12 marzo 2010 15:55
 

FIRENZE, 12 marzo (Reuters) - Estendere la cassa integrazione ordinaria (Cigo) costa e non serve. Le polemiche sul rifiuto da parte del governo di estendere la misura oltre le 58 ore previste riguarda solo la Cgil e sulle risorse disponibili chiarirà tutto la Ragioneria generale dello Stato.

Lo ha detto il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, a chi gli chiedeva la ragione per la quale l'esecutivo si sia opposto ad un emendamento bipartisan, promosso dal Pdl, che proponeva l'allungamento della Cigo.

"Non ce n'è bisogno e costa molto. Non conosco un solo lavoratore che abbia diritto alla cassa integrazione che non ne possa fruire in ragione di questa norma. Non ne conosco uno in Italia, quindi il problema è già chiuso. E' una storia già chiusa, frutto di una vecchia polemica della sola Cgil. Basti pensare che Cisl e Uil la pensano come me, e questo la dice lunga".

A chi chiedeva un chiarimento sulle risorse effettivamente disponibili per gli ammortizzatori sociali, il ministro ha risposto: "Lo darà nei prossimi giorni la Ragioneria dello Stato, e si vedrà che sono i conti che ho già dato".