Auto, Scajola: incentivi sono doping, devono essere "a scendere"

sabato 12 dicembre 2009 11:54
 

TORINO, 12 dicembre (Reuters) - Gli incentivi per le auto sono un "doping che falsa il mercato" e devono essere "a scendere", non dimenticando che si tratta di un problema che va affrontato a livello europeo. Lo ha detto oggi il ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola.

"Il problema è europeo - ha detto Scajola rispondendo a una domanda sugli incentivi, a margine dell'assemblea generale delle Camere di Commercio in corso a Torino - l'Italia non si può comportare diversamente dagli altri. Ma gli incentivi sono un doping che falsa il mercato, quindi devono essere a scendere per riportarci alla normalità del mercato".

"E questo lo stiamo valutando insieme agli altri mercati europei", ha aggiunto.

Il 7 dicembre il ministro aveva confermato che il rinnovo per gli incentivi per auto ed elettrodomestici sarà contenuto in un provvedimento previsto a gennaio.

Il ministro Scajola ha poi continuato ricordando che si sta valutando di estendere gli incentivi ad altri settori, senza specificare esattamente quali. "Stiamo valutando taluni settori che potrebbero beneficiare degli incentivi, sempre nell'ottica del risparmio, dell'efficienza energetica e del rispetto per l'ambiente", ha detto.

"Prodotti che aiutando il consumo aiutino a mantenere una occupazione forte, e comunque settori industriali in difficoltà", ha concluso.