Abu Dhabi interverrà in Dubai selezionando "caso per caso"

sabato 28 novembre 2009 16:44
 

di Stanley Carvalho

ABU DHABI, 28 novembre (Reuters) - Abu Dhabi, la ricca capitale degli Emirati arabi uniti, deciderà "caso per caso" come prestare aiuto al vicino Dubai, secondo quanto riferito oggi da un alto funzionario, dopo che i timori per un crac del Dubai hanno fatto crollare i mercati finanziari.

"Studieremo la situazione del Dubai e la gestiremo sulla base di una logica 'caso per caso'. Ciò non significa che Abu Dhabi sottoscriverà tutti i loro debiti", ha spiegato a Reuters il funzionario del governo dell'emirato di Abu Dhabi.

La crisi di Dubai è esplosa mercoledì scorso quando l'emirato, famoso in tutto il mondo per lo stile di vita opulento e per i grattacieli più alti del mondo, ha detto che ha chiesto una moratoria di sei mesi per ripagare i prestiti della potente holding statale Dubai World e di Nakheel, la controllata attiva nel settore immobiliare, un fatto ha provocato il crollo dei mercati, causando il risentimento degli investitori.

"Alcune delle realtà del Dubai sono commerciali, semi-governative. Abu Dhabi vedrà dove e quando intervenire", ha precisato il funzionario, che ha chiesto di restare anonimo perché non autorizzato a rilasciare dichiarazioni ai media.

Al centro della vicenda c'è il debito da 59 miliardi di dollari della Dubai World e della controllata Nakheel, che ha costruito le isole a forma di palma per personaggi famosi.

Dubai ha ritardato il pagamento del debito della Nakheel di sei mesi annunciando la decisione alla vigilia di una lunga festività.

((Redazione General News Milano +3902 66129 720, fax +3902 867846, italy.online@news.reuters.com))

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia