Obama: servono più tagli a legge spesa Difesa

mercoledì 28 ottobre 2009 12:08
 

WASHINGTON, 28 ottobre (Reuters) - Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama dirà oggi che ci sono ancora troppi sprechi nella spesa per la Difesa americana, nonostante la legge di autorizzazione per il 2010 metta fine a un certo numero di costosi progetti.

Il provvedimento autorizza le operazioni del Pentagono, e l'amministrazione Obama ha minacciato di porre il veto a causa della presenza di diversi programmi che la stessa Difesa ritiene non necessari, tra cui il motore per i caccia F-35 costruito da General Electric (GE.N: Quotazione) e Rolls-Royce Group (RR.L: Quotazione).

"La legge non è perfetta. Dobbiamo tagliare ancora molti sprechi. Ci sono ancora molte battaglie che dobbiamo vincere", dirà Obama, secondo i passaggi della dichiarazione che farà oggi nel corso di una cerimonia alla Casa Bianca per la firma della legge.

Il segretario alla Difesa Robert Gates, il vice presidente Joe Biden e alcuni parlamentari parteciperanno alla cerimonia.

Obama se l'è presa con i contratti assegnati senza gara e quelli spesso gravati da pesanti costi di gestione e da ritardi.

"Non spenderemo più quasi due miliardi di dollari per comprare più F-22 di cui il Pentagono dice di non avere bisogno", dirà oggi il presidente.

Obama dirà anche che respinge "la nozione secondo cui dobbiamo buttare miliardi di dollari dei contribuenti per mantenere sicura la nazione".

La legge mette anche fine a programmi come i Future Combat Systems e il laser aereo, o un nuovo elicottero presidenziale che costerebbe quasi quanto l'Air Force One. Sia l'elicottero presidenziale VH-71 che il caccia F-22 sono prodotti da Lockheed Martin (LMT.N: Quotazione).

Obama ha detto invece che legge finanzierà il Joint Strike Fighter, una nave da combattimento costiero e altri elicotteri.