Lodo Alfano, Formigoni: governare difficile ma avanti su riforme

giovedì 8 ottobre 2009 11:40
 

MILANO, 8 ottobre (Reuters) - La bocciatura del Lodo Alfano da parte della Corte Costituzionale rende "estremamente complicato" l'esercizio del governo che comunque deve andre avanti nel realizzare le riforme.

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni a margine di un convegno.

"La Corte Costituzionale con la decisione di ieri ha negato sue precedenti determinazioni e questo è l'aspetto più paradossale. Non aveva mai segnalato che ci fosse la necessità di una legge costituzionale: nella sentenza del 2004, non parlandone, l'aveva di fatto escluso. Pertanto la decisione appare legata da motivazioni discrezionali", ha detto Formigoni commentando la bocciatura del Lodo di ieri.

Il politico del Pdl ha aggiunto: "L'Italia è l'unico paese al mondo in cui non sia previsto che chi è stato scelto dal popolo per coprire incarichi istituzionali nell'esercizio del suo mandato sia esentato dal difendersi in tribunale".

Formigoni ha poi sottolineato che "questa decisione discrezionale della Corte rende esrtremamente complicato l'esercizio del governo, ma sono d'accordo con Berlusconi che deve andare avanti per realizzare le riforme che servono al paese".