Obama cerca di rassicurare il G20 sulle riforme finanziarie

sabato 19 settembre 2009 12:54
 

WASHINGTON, 19 settembre (Reuters) - Il presidente Usa Barack Obama, si è impegnato oggi a lavorare con i colleghi del G20 la prossima settimane per colmare le lacune delle normative finanziarie e ha ripetuto che le disposizioni scriteriate che prevedono "ricchi bonus per i dirigenti" non possono più essere tollerate.

Cinque giorni prima di ospitare il summit del G20 a Pittsburgh, Obama ha detto che i passi intrapresi dall'ultimo vertice di aprile a Londra hanno prodotto "progressi reali" nella lotta alla crisi economica globale.

Ma Obama, nel suo discorso settimanale alla radio e su Internet, ha ribadito che "fermare l'emorragia non è abbastanza".

"Sappiamo che c'è ancora molto da fare, insieme alle nazioni di tutto il mondo, per dare una stretta alle regole che governano i mercati finanziari e per assicurarci che non ci troveremo mai più nella situazione precaria in cui ci siamo scoperti un anno fa", ha dichiarato.

La riforma dei mercati finanziari sarà un tema centrale del summit delle principali nazioni sviluppate e in via di sviluppo ma i progressi nel Parlamento dell'agenda di Obama sulle normative sono stati lenti.

Nel tentativo di mostrare alle altre nazioni che la sua amministrazione è determinata nel porre rimedio alla debolezza Usa e agli eccessi ritenuti responsabili di aver generato la crisi, il presidente degli Stati Uniti ha detto: "Nella nostra veste di maggiore economia mondiale, dobbiamo essere alla guida, non solo a parole, ma con l'esempio".