Bini Smaghi a stampa: Stato deve coordinare uso Tremonti bond

domenica 9 agosto 2009 11:48
 

MILANO, 9 agosto (Reuters) - Le banche italiane non ricorrono ai cosiddetti Tremonti bond perché c'è un problema di coordinamento, secondo quanto riferisce oggi Lorenzo Bini Smaghi, membro del comitato esecutivo della Banca centrale europea, in un'intervista.

"Nessuna banca vuole essere la prima a fare ricorso ai Tremonti bond perché ciò verrebbe visto come un segnale di debolezza", ha detto Bini Smaghi aI Sole 24 Ore.

I cosiddetti "Tremonti bond" che prendono il nome dal ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, puntano a rafforzare il capitale delle banche per favorirle nel concedere i crediti a fronte della crisi economica globale.

Il membro del board della Bce ha aggiunto che soltanto il governo può costringere le banche alla ricapitalizzazione.

"La partita è nelle mani della autorità di vigilanza e dei Tesori nazionali", ha aggiunto.

Lunedì scorso, il direttore generale del Tesoro, Vittorio Grilli, ha detto che UniCredit <CRDI.MI >e Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione) sono in fase istruttoria per i Tremonti bond.

Il giorno dopo, UniCredit (CRDI.MI: Quotazione) ha detto di essere in trattative con il governo sui bond aggiungendo che la decisione è attesa per settembre.