PUNTO 1 -Strage in Alabama, inquirenti si interrogano su motivi

mercoledì 11 marzo 2009 16:54
 

(aggiorna bilancio vittime, aggiunge dettagli)

BIRMINGHAM, Alabama, 11 marzo (Reuters) - Le autorità si stanno interrogando sulle ragioni che possono aver spinto un ragazzo di 27 anni dell'Alabama a sparare uccidendo 10 persone, tra cui sua madre, prima di togliersi la vita dopo uno scontro a fuoco con la polizia e un inseguimento in auto.

Michael McLendon, che viveva con la madre, ha ucciso cinque delle sua vittime ieri notte, ora italiana, in una sparatoria in una casa mobile a Samson, nella parte sudorientale dell'Alabama, secondo quanto riferito dal medico legale e da Wynnton Melton, sindaco della vicina Ginevra.

Tra le persone uccise nella casa mobile c'è anche la moglie di un vice-sceriffo del posto e la sua figlioletta. Il ragazzo ha ucciso anche due persone che si trovavano in un negozio e un uomo su un pick-up, morto durante un inseguimento stradale, ha spiegato Melton.

"Abbiamo inviato 11 corpi a (la capitale dello stato) Montgomery", ha spiegato Robert Preachers, medico legale della vicina contea di Coffee che ha detto che conosceva sia le vittime che l'assassino.

"(McLendon) era una ragazzo tranquillo, che non ha mai combinato guai. Era sempre educato e carino", ha aggiunto Preachers. Interrogato sui possibili motivi del gesto, ha risposto: "Li ha portati con sé nella tomba".

La zona sudorientale dell'Alabama, che confina con la Florida, è un'area rurale in cui vivono molte famiglie con reddito molto basso.

Negli ultimi anni sparatorie del genere sono diventate molto frequenti negli Stati Uniti.

Le armi si trovano facilmente negli Usa, un paese che parla orgoglioso del diritto di possedere armi per la legittima difesa e la caccia.   Continua...