PUNTO 1-Sicurezza, 007 Usa: crisi economica è prima minaccia

giovedì 12 febbraio 2009 22:31
 

(riscrive con dettagli, contesto)

WASHINGTON, 12 febbraio (Reuters) - La crisi economica globale è diventata la più grande preoccupazione a breve termine per la sicurezza Usa, visto che ha causato instabilità in un quarto dei paesi del mondo e fa rischiare distruttive guerre economiche.

Lo hanno riferito oggi le agenzie di intelligence Usa.

Secondo la valutazione annuale del Direttore dell'intelligence nazionale, inoltre, la leadership di al Qaeda si è indebolita nel corso dell'ultimo anno, anche se il gruppo resta pericoloso e continua a pianificare attentati in Occidente e in Europa.

Si è deteriorata però la sicurezza in Afghanistan, che non potrà migliorare fino a che il Pakistan non prenderà il controllo delle sue zone di confine.

"La crisi finanziaria e la recessione globale produrranno probabilmente un'ondata di crisi economiche nelle nazioni con mercati emergenti nel corso del prossimo anno", spiega il rapporto, aggiungendo che è possibile un'ondata di "protezionismo distruttivo".

"Il tempo è la nostra più grande minaccia. Più ci impiegherà ad iniziare la ripresa, più c'è la possibilità di gravi danni agli interessi strategici americani".

Lo studio rappresenta una valutazione di tutte e 16 le agenzie di intelligence Usa ed è un punto di riferimento per i parlamentari e il Congresso.

Il rapporto identifica poi l'Iran come un focolaio chiave in Medio Oriente: persuadere Teheran a sospendere le attività nucleari sarà difficile e richiede una combinazione di pressione internazionale e incentivi.