Torino, incassavano da anni pensione di parenti morti, 53 denunc

mercoledì 17 dicembre 2008 09:53
 

MILANO, 17 dicembre (Reuters) - La Guardia di Finanza di Torino ha scoperto che decine di persone avevano continuato a incassare per anni le pensioni di parenti e amici passati da tempo a miglior vita, ricevendo indebitamente dall'Inps un totale di quasi 6 milioni, per la precisione 5.816.000 euro.

Lo si legge in un comunicato del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza del capoluogo piemontese, che ha condotto l'inchiesta chiamata "Pantalone" coordinata dalla procura torinese.

Nella nota, i finanzieri comunicano di aver denunciato 53 persone per il reato di truffa aggravata ai danni di un ente pubblico, di aver recuperato alle casse dell'Inps, attraverso i sequestri, circa 1.400.000 euro, di aver revocato 257 pensioni "a seguito dell'accertamento dell'avvenuto decesso degli aventi diritto", e, infine, dicono i militari, di aver impedito una spesa annua, non dovuta, alle casse dell'erario per 1.200.000 euro.