Leader Ue avvallano bozza clima e incentivi economia

venerdì 12 dicembre 2008 13:07
 

di Ingrid Melander e Pete Harrison

BRUXELLES, 12 dicembre (Reuters) - I leader dell'Unione Europea si apprestano ad avvallare un accordo di incentivi per la ripresa economica da 200 miliardi di euro e un piano sui cambiamenti climatici modificato con degli emendamenti per alleggerire il suo impatto sull'industria e sugli stati Ue più poveri. E' quanto risulta da una bozza dell'accordo, la cui firma, per quel che riguarda la parte del piano di sostegno economico, è stata confermata dal primo ministro britannico Gordon Brown.

"Abbiamo approvato un pacchetto di sostegno ambizioso", ha detto Brown in conferenza stampa, aggiungendo che si tratta di un accordo del valore di circa l'1,5% del prodotto interno lordo totale del blocco.

La bozza sembra riflettere un ammorbidimento delle posizioni nel secondo giorno del summit che era iniziato col ministro delle Finanze tedesco che aveva accusato pubblicamente la Gran Bretagna di "parlare con disinvoltura di miliardi" per trascinarsi fuori dalla recessione.

Il testo, ottenuto da Reuters prima di una revisione finale da parte dei capi di governo dell'Ue, fa impegnare il blocco Ue a tagliare le emissioni di gas serra del 20% entro il 2020, nonostante le concessioni che sono state fatte a Paesi come Italia e Polonia.

Comunque, secondo fonti diplomatiche, il contenuto finale del pacchetto clima è ancora incerto, e i gruppi ecologisti temono che possa uscire molto annacquato, dopo le trattative.

"Ci sono state alcune concessioni", ha detto ai giornalisti il capo della politica estera dell'Ue, Javier Solana.

La bozza ha approvato il principale obiettivo di un programma di misure per tutta la Ue che hanno lo scopo di tirar fuori dalla recessione l'economia delle 27 nazioni del blocco, nonostante alcune differenze fra gli stati membri dell'Ue riguardo a come affrontare la peggior crisi economica da 80 anni.

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha espresso la sua contrarietà a grandi iniezioni di liquidità, e specialmente al taglio delle tasse, ammonendo che gonfiare i deficit di bilancio può solo opprimere le generazioni future.   Continua...