California rischia di restare senza contanti a febbraio

venerdì 5 dicembre 2008 20:55
 

SAN FRANCISCO, 5 dicembre (Reuters) - La California rischia di esaurire i contanti a febbraio o marzo, e farà i conti con la mancanza di 15 miliardi di dollari entro la fine dell'anno fiscale che termina a giugno, a meno che non venga ripianato un buco di 11,2 miliardi di dollari, secondo il direttore del budget statale.

Inoltre, se il governatore Arnold Schwarzenegger e i deputati non ripianeranno presto il budget di quest'anno fiscale, la California, uno degli stati americani più popolosi, in marzo potrebbe rinviare i pagamenti ai creditori o consegnare loro promesse di pagamento, secondo una lettera del direttore del Dipartimento della Finanza Michael Genest ad alcuni deputati datata 1 dicembre.

Oggi Reuters ha ottenuto una copia della lettera.

"Ora appare certo che le riserve di liquidità disponibili da tutte le fonti saranno al di sotto dell'obiettivo di 2,5 miliardi di dollari a febbraio e che lo stato inizierà a ritardare i pagamenti o a pagare in warrant registrati a marzo", spiega Genest nella lettera.

"Per ridimensionare questa minaccia, l'amministrazione sta anche proponendo una legislazione per aumentare le risorse di contante che si possono prendere in prestito internamente", aggiunge Genest. "Comunque, anche in questo modo lo stato non sarà in grado di pagare tutti i suoi conti senza un'azione rapida sulle soluzioni legate al budget".

L'ultima volta che la California ha emesso promesse di pagamento ai creditori è stato nei primi anni Novanta.