AD di Gm, Ford, Chrysler chiedono a Senato Usa piano salvataggio

martedì 18 novembre 2008 22:10
 

WASHINGTON, 18 novembre (Reuters) - Gli amministratori delegati di General Motors (GM.N: Quotazione), Ford Motor (F.N: Quotazione) e Chrysler hanno chiesto oggi alla commissione bancaria del Senato statunitense un piano di salvataggio delle case automobilistiche.

L'AD di Gm, Rick Wagoner, ha detto che serve un piano per salvare le case automobilistiche per evitare un "crollo catastrofico" dell'economia Usa, e che la sua compagnia pensa di tagliare del 35% i costi strutturali annuali entro il 2011, pari a 14-15 miliardi di dollari.

Alan Mulally, AD di Ford, ha chiesto l'approvazione da parte delle autorità della richiesta di finanziamento avanzata presso le banche.

Mulally ha affermato che l'industria automobilistica "ha fatto errori in passato", e prevede una "significativa" pressione sul volume delle vendite nella prima metà del 2009.

Ford, ha detto l'AD, pensa a tagli nella produzione di oltre 210.000 unità nel quarto trimestre rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, e che le vendite mensili del settore hanno raggiunto lo scorso ottobre il loro minimo in 25 anni.