Le grandi economie guardano alla Cina per combattere recessione

domenica 9 novembre 2008 16:22
 

di Anna Willard

SAN PAOLO, 9 novembre (Reuters) - Le più grandi economie del mondo si rivolgono alla Cina per attutire i colpi della recessione in molti paesi, dopo che Pechino ha approvato un piano di stimolo per l'economia.

I ministri delle Finanze, i principali governatori delle banche centrali e alti funzionari del G20 dei paesi sviluppati e in via di sviluppo si stanno incontrando in Brasile per discutere su come dare sostegno alle loro economie, che rappresentano circa il 90% della produzione globale.

Funzionari hanno riferito ieri che le misure allo studio dovrebbero includere piani per sostenere la domanda - come attraverso progetti di infrastrutture o tagli fiscali - e possibili tagli dei tassi di interesse in alcuni Paesi.

"Per quei paesi che possono, l'incoraggiamento è prendere misure a sostegno", ha detto oggi il ministro francese dell'economia Christine Lagarde.

"Il ministro cinese ha detto che sono determinati a sostenere la domanda interna", ha dichiarato Lagarde ai giornalisti, riferendosi ai colloqui del G20 in corso a San Paolo.

Il capo della Banca mondiale e altri funzionari che partecipano al meeting hanno sottolineato che la Cina gioca un ruolo importante per rilanciare le economie.

In Europa, il principale stimolo alla crescita potrebbe venire da una riduzione dei tassi di interesse, ha detto Lagarde, ribadendo che un taglio dei tassi della Bce potrebbe avvenire presto.

"Per quanto riguarda gli europei, abbiamo il nostro sforzo monetario che è in via di consolidamento con tagli di tassi consecutivi e un possibile taglio dei tassi nelle prossime settimane", ha dichiarato il ministro francese.   Continua...