PUNTO 1 - Voto Usa, oggi ultimo dibattito tv tra McCain e Obama

mercoledì 15 ottobre 2008 20:16
 

(aggiunge dettagli)

HEMPSTEAD, Stati Uniti, 15 ottobre (Reuters) - Barack Obama e John McCain, i due candidati alla presidenza americana, si affronteranno stasera nell'ultimo faccia-a-faccia prima delle elezioni del prossimo 4 novembre, un appuntamento decisivo per il senatore repubblicano che non può permettersi una performance mediocre se vuole rimanere in corsa per la Casa Bianca.

A tre settimane dal voto, per McCain ci sono infatti sempre meno possibilità per recuperare punti nei sondaggi e guadagnare terreno su Obama.

Il dibattito, che inizierà alle 21 di stasera ora locale (le 3 ora italiana) alla Hofstra University di Hempstead, nello stato di New York, è il terzo e ultimo tra i due candidati, ed è quindi l'ultima occasione per raggiungere un pubblico che si stima sarà di almeno 60 milioni di persone.

"Si può ottenere un grande vantaggio da un dibattito seguito da molte persone", ha spiegato Katon Dawson, presidente della sezione del South Carolina del partito repubblicano.

Il faccia-a-faccia coincide con il rafforzamento del vantaggio di Obama nei sondaggi, sia a livello nazionale che negli stati dove la corsa è ancora aperta: dopo le ultime settimane, segnate dalla crisi finanziaria e dalle performance negative delle Borse, sempre più elettori affermano di fidarsi della leadership di Obama in campo economico.

Se un sondaggio Reuters/C-Span/Zogby dà Obama quattro punti percentuali davanti a McCain, questa settimana sono stati cinque quelli che hanno accreditato un vantaggio a doppia cifra al senatore dell'Illinois, ultimo dei quali un sondaggio Cbs News/New York Times che lo dà in testa del 14%.

Le cattive notizie sul fronte dei sondaggi hanno aumentato le aspettative nei confronti di McCain, che oggi ha annunciato un pacchetto di misure per aiutare i risparmiatori - in particolare gli anziani che hanno visto decimati i loro risparmi - in vista del dibattito.

Anche lo staff elettorale di Obama del resto ha cercato di tenerle alte: "E' la sua ultima occasione per convincere in qualche modo gli americani che la sua risposta alla crisi economica, non ben definita, non gli preclude di diventare presidente", ha detto il portavoce di Obama, Bill Burton, in un promemoria per i giornalisti.