Crisi, Berlusconi e Merkel: serve azione coerente

lunedì 6 ottobre 2008 22:46
 

BERLINO (Reuters) - Il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi stasera si sono detti d'accordo sulla necessità di mostrare una coerenza di azione di fronte alla crisi finanziaria.

"Condividiamo l'opinione che gli europei debbano mostrare un'azione coerente perché apparteniamo a un'area di valuta comune", ha detto Merkel in una conferenza stampa congiunta con Berlusconi a Berlino.

"Ogni Paese deve assumersi la propria responsabilità riguardo a questo", ha aggiunto.

Berlusconi si è detto certo che l'Europa troverà una risposta comune alla crisi. Ma ha aggiunto che non c'è alcun accordo su un fondo europeo di salvataggio delle banche e che trovare una soluzione è difficile.

LEADER UE GARANTIRANNO STABILITA' SISTEMA

Nel corso della giornata Berlusconi, in una dichiarazione scritta, ha detto che i leader europei adotteranno tutte le azioni necessarie - immissione di liquidità, misure sulle banche, maggiore tutela dei depositi - per superare la crisi finanziaria, e ha precisato che l'Italia proseguirà a proteggere le proprie banche e i risparmiatori.

Il presidente francese Nicolas Sarkozy, capo di turno dell'Unione, ha poi confermato con una nota dal testo identico a quello anticipato dall'Italia l'intento congiunto dei 27 Paesi dell'Unione per garantire la stabilità dei mercati.

Stamattina - a due giorni dal summit parigino tra i Paesi europei del G8 che si è concluso con una dichiarazione di intenti ma senza azioni concrete - fonti di Palazzo Chigi e della Farnesina avevano riferito che era in corso una consultazione fra i leader europei finalizzata a mettere a punto una dichiarazione per "dare fiducia ai mercati e garantire i risparmiatori".

BERLUSCONI: TUTELEREMO BANCHE E RISPARMIATORI   Continua...