Parigi, allarmi bomba legati a BR, forse solo scherzo

lunedì 16 giugno 2008 17:49
 

PARIGI (Reuters) - La sezione anti-terrorismo della polizia di Parigi ha aperto un'inchiesta per una serie di allarmi bomba contro i treni della Savoia, collegati alle Brigate Rosse, ma non si ritiene che possano rappresentare una vera minaccia.

Lo ha riferito oggi la polizia.

"Tutto porta a credere che si tratti di uno scherzo di cattivo gusto o del gesto di uno squilibrato", ha detto un responsabile della polizia.

Dai risultati delle indagini, afferma la fonte, non sembra emergere una seria minaccia terroristica.

Alcuni trader a Londra hanno detto che i rumours delle minacce a Parigi hanno fatto capolino oggi anche sui mercati finanziari.

La polizia francese anti-terrorismo ha aperto un'indagine dopo una serie di chiamate ai pompieri di Aix-les-Bains, in Savoia, e due telefonate ad un quotidiano regionale, ha riferito un portavoce della polizia.

Nessun ordigno è stato per il momento rinvenuto, ma all'interno di una cabina telefonica è stata trovata una lettera di minacce scritta in italiano che faceva riferimento alle Brigate Rosse.

La lettera di una decina di righe, chiedeva, così come gli appelli telefonici, la liberazione dell'ex attivista delle BR Cesare Battisti e minacciava un attentato.

Altre minacce sono state formulate la settimana scorsa con telefonate alle agenzie di soccorso e a un quotidiano locale, ma gli inquirenti non le hanno prese sul serio. L'inchiesta è stata aperta durante il fine settimana.

All'inizio del mese il primo ministro francese Francois Fillon ha autorizzato l'estradizione in Italia di Marina Petrella, ex membro delle Brigate Rosse, mentre Cesare Battisti è stato arrestato l'anno scorso in Brasile con l'aiuto della polizia francese.

 
<p>Foto d'archivio che ritrae agenti di polizia a Parigi. REUTERS/Charles Platiau (Francia)</p>