Banche, non abbandonare fair value, rivedere market value - Abi

giovedì 30 ottobre 2008 10:34
 

ROMA, 30 ottobre (Reuters) - L'attuale dibattito internazionale sulla revisione dei principi contabili non dovrebbe portare ad un abbandono del fair value, quanto piuttosto quello del market value troppo sottoposto anche alle situazione di stress dei mercati come le attuali.

E' quanto si legge nel testo dell'intervento che il presidente dell'Abi, Corrado Faissola, sta illustrando nel corso di un'audizione informale nella commissione Finanza della Camera ed il cui testo è stato distribuito alla stampa.

"Va subito precisato che la rinuncia generalizzata al fair value ed alla applicazione degli Ias/Ifrs non sarebbe ragionevole e potrebbe essere dannosa in relazione alla affidabilità e trasparenza dell'informativa di bilancio", dice Faissola.

Secondo il presidente dell'Abi però va considerato che il concetto di fair "coincide con il market value solo in condizioni ordinarie di funzionamento del mercato. In presenza di situazioni di mercato alterate e sotto stress, occorre applicare dei modelli valutativi appropriati per la determinazione del fair value senza dover ad ogni costo fare riferimento ai prezzi che si determinano sul mercato".

Faissola non dettaglia ulteriormente come andrebbe fatta la valutazione di fair value.