Italia, Fmi vede Pil 2009 a -5,1%, 2010 a +0,2%, occhi a spread

giovedì 1 ottobre 2009 08:34
 

di Francesca Landini

MILANO, 1 ottobre (Reuters) - Nelle sue previsioni autunnali, il Fondo monetario conferma che l'economia italiana segnerà quest'anno una contrazione di 5,1%, come previsto a luglio. L'istituto internazionale, però, migliora la stima per il Pil 2010, portandola a 0,2% da -0,1% di luglio.

L'Fmi vede un attenuarsi della crisi per l'Italia, come per il resto della zona euro, ma pronostica un recupero molto graduale. Per la zona euro le stime sono di -4,2% e +0,3% quest'anno e il prossimo.

"Il ritmo del declino nell'attività appare in riduzione, ma la ripresa è probabile che sia moderata nei prossimi trimestri" scrive l'istituto internazionale nel World economic outlook di autunno che viene presentato oggi a Istanbul.

Per avere un'idea della velocità di uscita dalla crisi il Fondo elabora previsioni per il quarto trimestre 2009 e 2010, indicando per l'Italia la stima di -3,2% pe il periodo ottobre-dicembre 2009 rispetto al quarto 2008 a fronte di un -2,5% per la zona euro nel suo complesso.

PICCOLO STIMOLO FISCALE PER ITALIA E GRECIA

Il Fondo sottolinea, poi, il difficile compito che aspetta l'esecutivo italiano costretto, in maggior misura rispetto agli altri governi europei, a trovare un difficile compromesso tra l'esigenza di sostenere una ripresa ancora tentennante e la necessità di tranquillizzare i mercati su deficit e debito.   Continua...