Tesoro programma di emissioni in secondo trimestre

lunedì 30 marzo 2009 19:56
 

 ROMA, 30 marzo (Reuters) - Il ministero dell'Economia e
delle Finanze ha annunciato il programma previsto delle
emissioni di titoli di Stato per il secondo trimestre dell'anno.
 In particolare il Tesoro comunica l'emissione dei seguenti
nuovi titoli:
 * Btp 01/06/2009 - 01/06/2014
   ammontare minimo dell'intera emissione: 10 miliardi
 * Btp 01/03/2009 - 01/09/2019  
   ammontare minimo dell'intera emissione: 12 miliardi
 * Ctz 30/06/2009 - 30/06/2011
   ammontare minimo dell'intera emissione: 9  miliardi
 L'ammontare minimo si riferisce all'intera emissione, ovvero
al valore che il circolante del titolo dovrà necessariamente
raggiungere prima di essere sostituito da una nuova emissione
sulla stessa scadenza.
 Si ricorda che la data di godimento dei nuovi titoli può non
coincidere con quella di regolamento della prima tranche.
 Oltre a quelli summenzionati, durante il secondo trimestre,
potranno essere emessi ulteriori nuovi titoli sulla base delle
condizioni dei mercati finanziari.
 Saranno altresì offerte ulteriori tranche dei seguenti
titoli in corso di emissione:
 * Btp 01/03/2009 - 01/03/2012, cedola 3,00%
 * Btp 15/12/2008 - 15/12/2013, cedola 3,75%
 * Cct 01/09/2008 - 01/09/2015
 * Ctz 31/03/2009 - 31/03/2011
 Inoltre, in relazione alle condizioni di mercato, il Mef si
riserva la facoltà di offrire ulteriori tranche di titoli a
lungo termine nonché titoli a medio e lungo termine non più in
corso di emissione, al fine di garantire l'efficienza del
mercato secondario.
 Si ricorda che per tutte le aste Btp e Cct il Tesoro
utilizzerà la consueta procedura d'asta marginale con
determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e
della quantità emessa.
 * Btpei:
 in base alle condizioni di mercato, saranno offerti in asta
il giorno lavorativo antecedente l'asta di medio lungo termine
di fine mese. Il Mef darà comunicazione dei titoli in emissione
e dei  quantitativi massimi che saranno offerti quattro giorni
lavorativi prima dell'asta, contestualmente al primo comunicato
delle aste di fine mese dei titoli a medio-lungo termine.
 * Bot, avvio delle aste in termini di rendimento:
 Il ministero dell'Economia e delle Finanze annuncia inoltre,
che a partire dal mese di aprile, agli operatori partecipanti
alle aste dei Bot sarà richiesto di inserire le loro offerte in
termini di rendimento, anziché di prezzo.
 Tale innovazione, che riflette la prassi prevalente sui
mercati monetari dell'area euro, non avrà alcun impatto per i
risparmiatori. Nei risultati d'asta pubblicati dal Dipartimento
del Tesoro e dalla Banca d'Italia continuerà, infatti, ad essere
presente il prezzo medio ponderato, che costituisce il prezzo di
riferimento per la clientela che prenota i Bot in asta.
 La nuova procedura d'asta sarà accompagnata da un analogo
avvio delle quotazioni dei Bot in termini di rendimento sul
mercato secondario regolamentato all'ingrosso.
 Si sottolinea che le nuove aste in termini di rendimento
riguardano esclusivamente i Bot e, pertanto, non coinvolgono in
nessun modo le emissioni degli altri titoli di Stato (Btp, Cct,
Ctz e Btpei).