Crisi, varato da Camera Usa pacchetto stimolo Obama, ora Senato

giovedì 29 gennaio 2009 08:18
 

WASHINGTON, 29 gennaio (Reuters) - Il presidente Usa Barack Obama ha registrato la sua prima grossa vittoria legislativa con il varo da parte della Camera di un pacchetto di stimolo per l'economia da 825 miliardi di dollari.

Il presidente, insediatosi appena otto giorni fa, non è riuscito però ad ottenere l'auspicato voto bipartisan. Il provvedimento è passato per 244 voti a 188, con i repubblicani contrari per tagli alle tasse giudicati insufficienti e spese considerate eccessive.

Tutti i democratici, eccetto 11, hanno sostenuto il provvedimento voluto dal presidente per combattere la peggiore crisi economica che l'America abbia conosciuto dalla Grande depressione. Il Senato comincerà la discussione la prossima settimana.

"Spero che continueremo a rafforzare questo piano prima che arrivi sul mio tavolo" per essere firmato e diventare legge, ha auspicato l'inquilino della Casa Bianca.

Nella sua prima visita a Capitol Hill, Obama non è riuscito a dirimere le preoccupazioni dei repubblicani, secondo cui i tagli alle tasse inclusi nel piano (275 miliardi di dollari) sono pochi e le spese (550 miliardi di dollari) troppe.

I repubblicani hanno comunque accettato di continuare il dialogo sul tema con i democratici.

Il Senato -- a maggioranza democratica -- dovrebbe approvare una versione simile del provvedimento, anche se leggermente più onerosa (887 miliardi di dollari nel complesso).