PUNTO 1-Banche, Berlusconi non esclude nuove misure venerdì

mercoledì 29 ottobre 2008 16:00
 

(Accorpa pezzi precedenti, aggiunge contesto, altre dichiarazioni)

di Francesca Piscioneri

ROMA, 29 ottobre (Reuters) - Silvio Berlusconi ha detto oggi che lo Stato, su richiesta degli istituti di credito, può sottoscrivere azioni risparmio, obbligazioni e obbligazioni convertibili e non ha escluso che al Consiglio dei ministri di venerdì possano essere varate nuove misure a favore delle banche colpite dalla crisi finanziaria partita dai mutui sub-prime Usa.

In apparente dissenso con precedenti dichiarazioni del ministro dell'Economia Giulio Tremonti, il presidente del Consiglio ha anche detto che l'esecutivo "è pronto ad assistere le banche senza condizioni punitive, né per il management né per gli azionisti".

"Lo Stato può sottoscrivere obbligazioni, azioni di risparmio e obbligazioni convertibili che sarà possibile convertire su richiesta delle banche", ha detto Berlusconi a margine del Consiglio generale di Confcommercio.

Alla domanda se il Consiglio dei ministri di venerdì esaminerà e varerà nuovi provvedimenti sulle banche italiane ha risposto: "Vediamo, vediamo. Stiamo lavorando".

Questo mese il governo ha già approvato due decreti legge per favorire la patrimonializzazione e la liquidità delle banche per i quali si è in attesa dei decreti ministeriali attuativi.

E' previsto che lo Stato possa sottoscrivere o garantire aumenti di capitale deliberati da banche con parametri patrimoniali inadeguati accertati da Bankitalia con azioni privilegiate nella distribuzione dei dividendi. Il decreto prevede che fino alla data di cessione delle azioni il ministero dell'Economia abbia l'ultima parola sulle variazioni sostanziali al programma di stabilizzazione degli istituti di credito.   Continua...