PUNTO 2 - Risanamento, Cda rinviato, accordo tra banche su bond

venerdì 28 agosto 2009 18:12
 

(Riscrive parzialmente con dichiarazioni di Ponzellini)

MILANO, 28 agosto (Reuters) - Il consiglio di amministrazione di Risanamento (RN.MI: Quotazione), che doveva riunirsi questo pomeriggio, è stato rinviato di qualche giorno per permettere alle banche di finalizzare gli accordi di ristrutturazione necessari all'approvazione in continuità aziendale dei conti semestrali.

Lo ha annunciato questa mattina la società immobiliare precisando che il consiglio si terrà "entro il primo settembre", termine entro il quale Risanamento deve depositare in Tribunale il piano di salvataggio - ai sensi dell'art.182 bis della legge fallimentare - su cui si dovrebbe esprimere il giudice nell'udienza del 22 settembre.

ACCORDO TRA BANCHE SOSTANZIALMENTE RAGGIUNTO

Secondo il presidente di Pop Milano (PMII.MI: Quotazione) l'accordo tra le banche è ormai stato raggiunto anche sul nodo della garanzia del bond Risanamento che scade nel 2014 ma che rischia di diventare esigibile anticipatamente se non cadrà l'istanza di fallimento avanzata a luglio dalla Procura di Milano.

"La proposta che dovrà essere presentata entro il primo settembre include anche la garanzia del bond. Popolare Milano l'ha già approvata, ho motivo di credere che verrà garantito anche dalle altre banche", ha detto Massimo Ponzellini.

Il presidente della popolare, una delle cinque banche creditrici impegnate nel piano di salvatggio del gruppo, ha aggiunto che il criterio di ripartizione dell'impegno di garanzia sul bond (che ammonta secondo le indiscrezioni a oltre 260 milioni se si comprendono gli interessi fino a scadenza) "può solo essere pro-quota". Ieri una fonte finanziaria aveva parlato a Reuters di divergenze tra le banche proprio su questo punto.   Continua...