Fantuzzi va avanti con arbitrato dopo passo indietro Terex

mercoledì 28 gennaio 2009 14:21
 

MILANO, 28 gennaio (Reuters) - Fantuzzi conferma che è tuttora in corso il procedimento arbitrale riguardante la validità legale della decisione di Terex TEX.MI di porre fine unilateralmente all'accordo, siglato nell'agosto scorso, per l'acquisizione del gruppo di Reggio Emilia.

Al fine di trovare una soluzione amichevole della disputa legale, si legge in un comunicato, le parti continuano a incontrarsi.

Fantuzzi aggiunge che sono in corso "approfondite interlocuzioni con altri soggetti": una fonte vicina al dossier parla di "approcci da parte di tre-quattro soggetti".

Fantuzzi ha proveduto a riconvocare tutti i creditori, ovvero banche, Jp Morgan e bondholders, "per trovare una convergenza degli interessi di tutte le parti coinvolte".

Il 31 gennaio prossimo, ricorda la fonte, scade l'ultima rata da 55 milioni di euro di un bond che in origine era di 125 milioni. L'assemblea degli obbligazionisti aveva approvato il rinvio nel luglio scorso, in vista dell'acquisizione da parte di Terex.

Secondo quanto riferisce la fonte, Terex "punta a ottenere uno sconto sul prezzo dell'acquisizione di Fantuzzi", ma, trattandosi di un'operazione in gran parte costituita da assunzione di debito, il gruppo Usa deve negoziare con i creditori, chiedendo di accettare un rimborso inferiore.

Se la quadratura del cerchio non si dovesse trovare entro il 31 gennaio (più cinque giorni di grazia), Fantuzzi incorrerebbe nel default del bond.

Terex, però, secondo la fonte, vorrebbe evitare gli strascichi legali dell'arbitrato e avrebbe interesse a concludere l'acquisizione. Il gruppo Usa ha reclutato Alix Partners in qualità di advisor industriale.