Inps,in un anno 3,8 mld più entrate e meno uscite - Mastrapasqua

lunedì 28 settembre 2009 13:52
 

ROMA, 28 settembre (Reuters) - Le ristrutturazioni che hanno interessato l'Inps tra il settembre 2008 e il settembre 2009 si sono tradotte, tra differenza tra maggiori entrate e minori uscite, in una manovra da quasi 4 miliardi di euro.

E' quanto si legge nella relazione dell'Istituto di previdenza nazionale sui risultati a un anno dal commissariamento, presentata dal presidente e commissario straordinario Andrea Mastrapasqua.

A fronte di una diminuzione delle uscite per 417 milioni di euro si è verificato un aumento delle entrate per 3,372 miliardi, dei quali 3,192 per incassi da recupero crediti, con una manovra da un totale di 3,789 miliardi.

Per quanto riguarda il bilancio previsionale 2010 che verrà depositato il 30 settembre al Consiglio di indirizzo e vigilanza, si prevdede "in via molto prudenziale, un utile del risultato di esercizio di circa 3 miliardi di euro e con un avanzo finanziario per 4,5 miliardi di euro", ha spiegato Mastrapasqua.

Nel 2010 le uscite saranno superiori a quelle del 2009 per 6 miliardi di euro, una metà dei quali per gli aumenti perequativi e l'altra metà per gli ammortizzatori sociali, per un totale di 231 miliardi di uscite. Mastrapasqua ha tenuto a precisare che il bilancio è stato elaborato sulla base delle stime macroeconomiche contenute nel Dpef del 15 luglio e non su quelle aggiornate e più positive della Relazione previsionale e programmatica per il 2010 pubblicata dal Tesoro il 23 settembre.

"In corso d'anno potremo elaborare una nuova previsione. Anche il 2010 dà spunti di tranquillità per il sistema previdenziale italiano", ha aggiunto Mastrapasqua.