Btp chiudono al rialzo su calo borse, spread si allarga a 157 pb

venerdì 27 febbraio 2009 17:49
 

 MILANO, 27 febbraio (Reuters) - Mercato obbligazionario
molto forte, con gli investitori che vi cercano rifugio dal calo
delle borse, acquistando soprattutto Bund, cosicchè lo spread di
rendimento tra questi e i Btp si è allargato da stamane di circa
4 punti base.
 "Sono state le borse Usa, trascinate in calo dai bancari
dopo le notizia su Citigroup, a segnare la spinta al rialzo dei
titoli di stato" dice un dealer. "E ora si guarda a livelli
chiave degli indici di borsa per dare una direzione al mercato
obbligazionario". Sull'indice S&P futures i dealer guardano il
livello di 739 che se dovesse essere rotto con più decisione di
quanto abbia fatto oggi porterebbe "un'altra ondata di acquisti
flight-to-quality" dice un altro.
 In più nel pomeriggio, a dare maggiore spinta al mercato, è
stata la revisione del Pil Usa del quarto trimestre 2008 a -6,2%
in termini annualizzati, contro un -3,8% della stima precedente
e peggio delle stime degli economisti di -5,4%.
 Il mercato dei Btp esce da una settimana impegnativa sotto
il profilo dell'offerta, con aste di un ammontare complessivo di
ben 27,6 miliardi. 
  I dealer guardano alla prossima settimana, "altrettanto
impegnativa", con in agenda le decisioni sui tassi di Boe e Bce,
che dovrebbero entrambe tagliare di altri 50 pb, e gli occupati
Usa di febbraio.
 A ciò si potrebbero aggiungere indicazioni da parte della
Bce per azioni di 'quantitative easing', quando sarà terminata
la campagna di riduzione dei tassi. Il che potrebbe significare
acquisti di titoli di stato che darebbero ulteriore aiuto
all'obbligazionario.
 E' stato letto con favore stamane l'annuncio del piano di
aiuti al settore bancario da oltre 24 miliardi di euro da parte
di Banca Mondiale, Bei e Bers "che dovrebbe portare beneficio
alle banche dei paesi dell'Est, ma a cascata anche a quelle
della Vecchia Europa che sono esposte verso quei paesi" dice uno
strategist. 
 Sul mercato continua l'interesse per il nuovo Btp a tre anni
collocato ieri all'asta pur con l'ammontare record di 5
miliardi. Rispetto a un prezzo netto di aggiudicazione di 100,02
stamane stamane è stato trattao fino a 100,17 per poi stornare
in chiusra a 100,03. 
 Lo spread di rendimento tra il Btp marzo 2019 e il Bund
gennaio 2019, nel pomeriggio ha visto un allargamento fino a 157
pb da un minimo si stamane a 153 pb, mentre ieri nel pre-asta
aveva visto un picco a 161 pb.
 
 =========================== ORE 17,30 ========================
                                 PREZZI  VAR.    RENDIMENTO
  FUTURES BUND MARZO FGBLc1       124,73  (+0,28)
  BTP 2 ANNI  (FEB 11) IT2YT=RR   102,98  (-0,01)     2,163%
  BTP 10 ANNI (MAR 19) IT10YT=TT   99,47  (+0,42)     4,619%
  BTP 30 ANNI (AGO 39) IT30YT=RR   95,75  (+0,37)     5,351%
 ======================== SPREAD (PB) =========================
                                         CHIUSURA PRECEDENTE
  TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5      6                  11
  BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3     87                  84
  BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5    156                 153
  BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7    162                 160
  BTP 2/10 ANNI                      245,6              *246,0
  BTP 10/30 ANNI                      73,1                70,5
=============================================================