Btp chiudono in calo, spread in lieve ampliamento

mercoledì 27 maggio 2009 17:36
 

 MILANO, 27 maggio (Reuters) - Chiusura in calo per il
secondario italiano che, in linea con i titoli europei, soffre
della discreta performance delle borse e della mole di titoli in
offerta in questi giorni. 
 Dopo l'asta dello Schatz, che ha registrato una buona
domanda, il mercato è rimasto comunque sotto pressione, con il
futures sul Bund decennale appena al di sopra dei minimi degli
ultimi sei mesi.
 "Il mercato è debole per il discreto andamento delle borse e
la mole dell'offerta di nuovi titoli" dice un trader. "Anche i
Bund sono in negativo e prosegueno il calo iniziato ieri dopo il
forte dato di fiducia negli Stati Uniti e il conseguente rally
di Wall Street".
 Ieri il rendimento del decennale americano si è portato ai
massimi da metà novembre.
 Contrariamente a quanto accade di solito quando il mercato è
in calo, oggi lo spread Italia/Germania è in allargamento a 93
centesimi da 91.
 Secondo quanto riportato dal sito lavoce.info, "il
flight-to-quality rende conto solo "di circa un quinto dello
spread Btp-Bund tedeschi". 
 "La maggior parte del differenziale è dunque dovuta a un
effettivo maggior rischio paese avvertito dai mercati
finanziari. Lo spread è tornato a livelli non dissimili da
quelli sperimentati nella crisi del marzo 1995" si legge sul
sito, secondo il quale questo conferma la necessità di mantenere
un rigoroso controllo della dinamica del debito nel nostro
paese. L'uso della leva fiscale non deve significare il ritorno
a una spesa pubblica senza freni, sostengono gli economisti de
lavoce.
 
 BUON ESITO ASTE, MALGRADO PESO SU MERCATO
 Dopo aver inaugurato ieri le aste di fine mese col
collocamento di Bot e Ctz, che hanno registrato a dire dei
trader una buona domanda, oggi il Tesoro ha offerto e collocato
in asta 2 miliardi del BTPei 15 settembre 2023. 
 "L'asta ha registrato una forte domanda, il 'bid-to-cover è
risultato alto. C'è molta richiesta di carta italiana in questo
periodo, probabilmente nelle riallocazioni c'è attrazione per i
rendimenti alti, come dimostra il nuovo decennale spagnolo
prezzato ieri", dice il trader. 
 Il titolo italiano è stato collocato al prezzo di 97,90 e al
tasso lordo di 2,80%. Il rapporto domanda-offerta è risultato
pari a 1,72 da 1,38 dell'asta precedente.
 Ieri la Spagna ha prezzato il nuovo decennale ottobre 2019
per 7 miliardi, rispetto ai 5 originariamente previsti. 
 Sempre sul fronte dell'offerta, la Germania ha collocato 8
miliardi dello Schatz marzo 2011, al tasso di 1,52% e al prezzo
medio di 99,955.
 Domani verranno posti in asta Btp a 3 e 10 anni e due Cct.
Si tratta di 2-2,5 mld del Btp primo marzo 2012, 3,5-4,5 mld del
primo settembre 2019, e 0,75-1,25 mld del Cct primo settembre
2015.
 
 ============================== 17,20 ==========================
                                 PREZZI  VAR.     RENDIMENTO
 FUTURES BUND GIUGNO FGBLc1       119,40  (-0,23)
 BTP 2 ANNI  (MAR 11) IT2YT=TT    103,15  (-0,10)     1,710%
 BTP 10 ANNI (SET 19) IT10YT=RR    97,95  (-0,49)     4,551%
 BTP 30 ANNI (AGO 39) IT30YT=RR    95,20  (-0,38)     5,391%
 ========================= SPREAD (PB) ========================
                                         CHIUSURA PRECEDENTE
 TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5      7                   15 
 BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3     19                   31 
 BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5     93                   91  
 BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7    100                  101 
 BTP 2/10 ANNI                      284,1                277,6
 BTP 10/30 ANNI                      84,0                 87,6
 ==============================================================