Fisco, agenzia entrate pubblica circolare su Tremonti-ter

martedì 27 ottobre 2009 19:34
 

ROMA, 27 ottobre (Reuters) - Con la circolare pubblicata oggi sugli investimenti agevolati contenuti nella Tremonti-ter l'agenzia delle Entrate chiarisce quali siano gli ambiti di applicazione, le caratteristiche dei beni, le modalità di fruizione e le ipotesi di revoca.

"La Circolare precisa che è possibile fruire della detassazione indipendentemente dal risultato di esercizio ottenuto dall'impresa, potendo quindi l'agevolazione concorrere a determinare una perdita che rileverà nella determinazione del reddito", spiega la nota dell'Agenzia.

La norma contenuta nel Dl 78/2009 prevede una detassazione dal reddito d'impresa del 50% degli investimenti effettuati al 1° luglio 2009 al 30 giugno 2010 in macchinari e apparecchiature "nuovi".

L'agevolazione è prevista per i titolari di reddito di impresa residente e alle stabili organizzazione dello Stato dei non residenti anche se hanno iniziato la loro attività a partire dal 1° luglio.

Oggetto della detassazione sono gli investimenti in beni compresi nella divisione 28 della tabella Ateco 2007 a prescidere dalla denominazione attribuita dalla stessa tabella, mentre sono esclusi i beni merce.

L'incentivo fiscale viene meno se: il bene, prima del secondo periodo di imposta successivo all'acquisto, viene ceduto a terzi; è destinato ad attività estranee all'attività d'impresa; se il bene è acquisito tramite leasing o, se oggetto di contratto di lease back, non è riscattato; acquistato con contratto con riserva della proprietà è risolto per inadempimento del compratore; il bene viene trasferito in strutture fuori dallo spazio economico europeo entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione relativa al periodo di imposta nel quale è stato fatto l'investimento.