Monetario stabile dopo p/t 91 gg inferiore ad attese

mercoledì 26 agosto 2009 12:04
 

MILANO, 26 agosto (Reuters) - Il mercato interbancario appare stabile, con la liquidità sempre molto alta, anche dopo un'operazione di rifinanziamento a 91 giorni che ha rinnovato meno di un terzo dell'ammontare in scadenza.

"Ci aspettavamo un collocamento inferiore alla cifra in scadenza, ma nell'ordine di 10-12 miliardi. Anche se la Bce ha collocato meno, questo non cambia molto. Non credo neppure che cresceranno i collocamenti settimanali. Penso piuttosto che tutte le richieste si concentreranno sull'asta a un anno attesa per fine settembre" dice un tesoriere.

La Banca centrale europea ha collocato 8,321 miliardi di euro nell'asta di rifinanziamento al tasso fisso dell'1% a lungo termine che verrà regolata domani e scadrà il prossimo 26 novembre ECB26. Domani, 27 agosto, vanno in scadenza 27,541 miliardi di euro della precedente operazione a 91 giorni.

"C'è attesa per l'operazione a un anno, per questo ci sono stati così pochi bidder" dice il tesoriere.

L'istituto di Francoforte ha soddisfatto le richieste di 35 banche, mentre nella precedente operazione dello scorso 27 maggio le richieste erano pervenute da 104 banche.

"I tassi sono abbastanza stabili, con l'overnight sempre agli stessi livelli e l'Euribor in calo" dice il tesoriere.

Alle 11,55 circa l'overnight scambia a 0,25-35%, mentre sulla strip dei derivati Euribor la scadenza a settembre FEIU9 è invariata a 99,190, quella a dicembre FEIZ9 si attesta a 99,075 (-0,005), mentre quella a marzo 2010 FEIH0 è a 98,870 (+0,010).

L'Euribor a tre mesi EURIBOR3MD=, tasso di riferimento per i prestiti interbancari, continua a scendere, toccando l'ennesimo minimo storico. Nel fixing londinese di questa mattina è sceso a 0,834% da 0,838% di ieri, già minimo storico. In lieve rialzo la scadenza a una settimana EURIBORSWD=, a 0,343% da 0,341%, mentre quella a sei mesi EURIBOR6MD= scende a 1,099% da 1,101%.

"I depositi continuano a muoversi in questo range ristretto 150-160 miliardi" nota il tesoriere.   Continua...