Usa, piano salvataggio banche in difficoltà mentre fallisce WaMu

venerdì 26 settembre 2008 09:31
 

WASHINGTON, 26 settembre (Reuters) - La trattativa politica sul pacchetto da 700 miliardi di dollari mirato al salvataggio del sistema finanziario Usa è entrata ieri sera in fase critica. A detta dei democratici John McCain avrebbe fatto fallire l'intesa appoggiando un progetto alternativo in un momento particolarmente delicato, mentre le autorità dichiaravano il fallimento di Washington Mutual, prima cassa di risparmio statunitense.

Di fronte al caos nei negoziati sul più ambizioso piano mai messo a punto per la stabilizzazione dei mercati finanziari e al fallimento WaMu, travolta dal ciclone dei mutui, i futures sulla borsa Usa arretrano oltre 1%, il dollaro corregge su yen e i listini asiatici ripiegano con decisione.

Jp Morgan Chase ha intanto annunciato di aver rilevato i depositi di WaMu, senza secondo Washington alcun impatto su correntisti e clienti.

Se il Congresso fosse giunto in tempo a un accordo sul salvataggio delle banche si sarebbe forse evitata la chiusura della prima cassa di risparmio, fondata a nel 1889 a Seattle.

Per WaMu non si era fatto avanti negli scorsi giorni alcun compratore, a riflesso dei dubbi sulla possibilità che il Tesoro arrivasse a un'intesa per rilevarne il debito 'tossico'.

Come dimostrano la risalita degli indici di Wall Street e il recupero del dollaro, nella prima fase della giornata di ieri sembrava il Congresso fosse prossimo a un accordo. La riunione straordinaria convocata ieri alla Casa Bianca tra presidente a leader del Congresso si è però "trasformata in una gara a chi grida più forte" si legge in una nota della campagna di McCain.

Se prima dell'incontro, a cui hanno partecipato entrambi i candidati alla Casa Bianca, sembrava imminente un compromesso 'bipartisan', al suo termine l'intesa potrebbe slittare fino al fine settimana se non oltre.

Il rappresentante democratico Barney Frank, che ha finora svolto un ruolo chiave nelle trattative, ha annunciato che i negoziati continuano oggi ma non si sa se i repubblicani della Camera intendano partecipare.

Di poche parole il senatore repubblicano Richard Shelby.   Continua...