26 novembre 2008 / 13:56 / 9 anni fa

PUNTO 2 - Commissione Ue lancia misure di stimolo da 200 mld

(aggiunge dettagli piano, background, commenti)

BRUXELLES, 26 novembre (Reuters) - La Commissione europea ha approvato un pacchetto da 200 miliardi di euro di misure di stimolo destinato a contrastare la recessione economica in essere.

La palla passa ora ai leader dei 27 paesi dell‘Unione che in un vertice convocato per l‘11 e il 12 dicembre esamineranno le misure con cui la Commissione punta a coordinare gli sforzi dei paesi e a colmare la distanze tra le posizioni nazionali.

Circa 30 dei 200 miliardi complessivi saranno a carico del bilancio dell‘Unione e della Banca europea degli investimenti mentre gli altri 170 ricadranno sui bilanci statali.

In particolare il piano propone di trovare almeno 5 miliardi di euro di finanziamenti a favore del settore europeo dell‘auto, per sviluppare veicoli meno inquinanti, e sollecita a usare fino a 6,3 miliardi di euro di pagamenti accelerati dai fondi strutturali.

Non tutti gli stati saranno chiamati a contribuire in ugual misura.

“Il nostro approccio è di offrire una gamma di strumenti. Le misure che gli stati stanno introducendo non dovranno essere identiche, ma dovranno essere coordinate” ha detto il presidente della Commissione Jose Manuel Barroso durante una conferenza stampa, sottolinenando l‘offerta ai singoli governi di diverse opzioni e non di uno stringente diktat. “Le misure già annunciate dagli stati membri, naturalmente, sono parte di questo sforzo”.

Francia, Gran Bretagna e altri Paesi hanno già varato decisioni a livello nazionale per sostenere le rispettive economie di fronte alla recessione alle porte o, in alcuni casi, già in essere. Il governo italiano ha in programma per venerdì 28 un consiglio dei Ministri da cui si attendono misure di sostegno a famiglie, imprese e banche.

Secondo Barroso non è chiaro se lo schema - ben più ambizioso del pacchetto pari all‘1% del Pil dell‘Unione Eruopea previsto inizialmente - sarà sufficiente.

Alcuni eocnomisti si diconmo scettici su come verrà gestito il piano di sostegno.

“Le misure che prenderanno veramente i governi nazionali rimangono una questione aperta, sarà qualcosa di diverso da paese a paese” commenta Christopk Well di Commerzbank.

“Il pacchetto di stimolo da 32 miliardi già annunciato dalla Germania è abbastanza e non penso che il governo aggiungerà grandi voci di spesa che sosterrebbero il deficit” aggiunge.

TAGLIO IMPOSTE LIMITATO PER POSIZIONI DIFFERENTI

La proposta Ue prevede la richiesta di tagli all‘Iva sui servizi labour-intensive, mentre è stata respinta l‘idea di una riduzione generalizzata dell‘imposta sul valore aggiunto.

Tra i contrari, la Germania aveva fatto saper di volere resistere a qualsiasi tentativo di coordinare tagli dell‘imposta sul valore aggiunto, mentre alcuni paesi dell‘est europeo come la Polonia, sotto esame per il rispetto dei criteri del Trattato di Masstricht in vista dell‘adozione dell‘euro, non intendono aumentare il loro deficit.

Il commissario agli Affari economici e monetari Joaquin Almunia, pur ricordando che la crisi dei mercati finanziari non è ancora terminata, ha ricordato oggi che un deficit pubblico superiore a 3% del pil lordo farà scattare i provvedimenti disciplinari dell‘esecutivo e che le misure di stimolo andranno rimosse una volta terminata la recessione.

EVITARE GARA AL RIALZO TRA PAESI

Secondo il cancelliere tedesco Angela Merkel i singoli stati membri devono evitare di ingaggiare una gara per il pacchetto più sostanzioso.

“Non dobbiamo ingaggiare una gara a suon di miliardi” ha detto, parlando al Parlamento tedesco.

Le misure di stimolo, accompaganate dal calo delle entrate e dall‘aumento delle spese legate alla fase bassa del ciclo economico, probabilmente porteranno ben oltre il 3% il rapporto deficit/pil di Francia, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Italia e Portogallo.

Secondo Almunia, temporanei superamenti dei limiti sono accettabili se gli Stati vi rimangono vicini.

“Vicino significa pochi e non molti decimali, e temporaneamente” ha spiegato Almunia.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below