Cina, serve nuova politica economica per crescita - JP Morgan

martedì 26 agosto 2008 10:37
 

SHANGHAI (Reuters) - La crescita cinese potrebbe scivolare sotto il 9%, dopo anni di crescita a due cifre, se il governo non farà un drastico cambiamento di politica economica, ha dichiarato Frank Gong, capoeconomista per la Cina di JP Morgan Chase.

Gong ha anche precisato che la nota per i clienti della scorsa settimana che riguardava un possibile pacchetto di rilancio economico da parte del governo è basata su ricerche proprie e non su fonti ufficiali. L'economista aveva parlato di uno stimolo di almeno 200-400 miliardi di yuan (tra i 29 e i 58 miliardi di dollari), ipotesi che aveva spinto un netto rialzo della borsa mercoledi scorso.

Gong ha però aggiunto che la stima tra i 200 e i 400 miliardi di yuan è "molto conservativa", mentre si attende che la Banca Centrale riduca il tasso della riserva obbligatoria di almeno 50 punti base nella seconda metà dell'anno.

L'economista si aspetta anche che lo yuan continui a guadagnare sul dollaro, ma con un ritmo molto più lento. Il tasso attuale di cambio del dollaro è circa 6,844 yuan.