Monetario, liquidità buona, p/t in linea settimana scorsa

martedì 25 novembre 2008 12:12
 

MILANO, 22 novembre (Reuters) - La liquidità resta buona sull'interbancario, con i depositi marginali che, malgrado un lieve calo, restano molto alti a testimonianza di una scarsa fiducia fra le banche.

L'ammontare collocato al pronti contro termine di oggi si è discostato poco da quello della scorsa settimana.

"Il p/t ha sostanzialmente rinnovato l'ammontare, ormai 3-4 miliardi di differenza non fanno né caldo né freddo" dice un tesoriere.

La Banca centrale europea ha infatti collocato oggi 334,5 miliardi di euro alle banche commerciali, al tasso fisso di 3,25%, nella sua consueta asta di rifinanziamento settimanale, a fronte dei 338 mld collocati la scorsa settimana. Dal 15 ottobre la Bce offre fondi illimitati al tasso fisso.

"I depositi marginali sono leggermente scesi, ma restano alti. Da domani li vedo attorno a 210-220 miliardi di euro al netto dei prestiti" dice l'operatore.

Ieri le banche della zona euro hanno depositato overnight presso la Banca Centrale Europea fondi per 222,229 miliardi di euro, in lieve calo rispetto ai 224,193 miliardi dello scorso fine settimana. I prestiti marginali erogati dalla Bce sono ammontati invece a 1,970 miliardi da 1,893 miliardi.

I depositi e i finanziamenti presso l'istituto di Francoforte vengono remunerati e pagati rispettivamente ai tassi, penalizzanti rispetto al riferimento del 3,25%, del 2,75% e del 3,75%, ma le banche in questo periodo preferiscono ricorrervi piuttosto che fare affidamento ad altri istituti commerciali, a riprova della scarsa fiducia presente sul mercato.

"I tassi Euribor continuano a scendere sull'onda lunga degli annunci degli ultimi giorni: è chiaro che la Bce pensa di intervenire con un taglio dei tassi entro fine anno" dice ancora l'operatore.

La scadenza Euribor a tre mesi <EURIBOR3MD= si è attestata oggi a 3,937% dal precedente 3,970%. La scadenza a una settimana EURIBORSWD= scende a 3,172% da 3,183%, mentre il tasso a sei mesi EURIBOR6MD= è stato fissato a 3,995% da 4,020%. Malgrado le attese di un taglio dei tassi, i futures sul tasso Euribor mostrano un calo.   Continua...