Enti locali, nozionale derivati 35,5 mld a fine 2008 - Vegas

mercoledì 25 febbraio 2009 15:57
 

ROMA, 25 febbraio (Reuters) - A fine 2008 circa 600 tra comuni, province e Regioni avevano in portafoglio derivati con un nozionale complessivo, vale a dire il debito sottostante ai contratti, "pari a quasi 35,5 miliardi per oltre 1.000 contratti", dei quali 16,9 miliardi in capo alle Regioni.

Lo ha detto il sottosegretario all'Economia Giuseppe Vegas nel corso di un'audizione in Senato.

"La scomposizione per numerosità di enti coinvolti vede, come è naturale, una larga prevalenza dei comuni, sia capoluogo (7,6%) sia non capoluogo (81,6%), seguiti da province (7,1%) e Regioni (3%)", ha detto Vegas.

Se si analizza però il fenomeno dal punto di vista delle somme nozionali sono le Regioni i soggetti più attivi con circa 16,9 miliardi, il 47,6% del totale. Seguono i comuni capoluogo con quasi 11 miliardi (31,1%), province e comuni non capoluogo per 3,4 e 4,1 miliardi (circa il 21,2%) del totale.