Bond Milano, banche indagate rinunciano a riesame

lunedì 25 maggio 2009 12:36
 

MILANO, 25 maggio (Reuters) - Le banche implicate nell'indagine sui derivati legati al bond del comune di Milano hanno rinunciato a presentarsi stamane al tribunale del riesame per il procedimento di dissequestro.

Presentando istanza al tribunale del riesame, i legali degli istituti di credito hanno comunque avuto accesso agli atti delle indagini.

"La richiesta di riesame è stata presentata per avere accesso agli atti. Per quanto riguarda le nostre censure sul sequestro, hanno formato oggetto di istanza già presentata al pm e al gip, mentre le questioni di merito saranno affrontate nel proseguio delle indagini" ha detto uno del legali di Ubs UBSN.VX.

"Abbiamo avuto troppo poco tempo per preparare i motivi del riesame" ha detto invece uno degli avvocati di Jp Morgan (JPM.N: Quotazione).

Le quattro banche coinvolte nell'emissione del Boc milanese del 2005 per 1,7 mld di euro e nelle successive operazioni in derivati - Deutsche Bank (DBKGn.DE: Quotazione), Depfa bank, Jp Morgan e Ubs - a fine aprile hanno subito un sequestro da parte della Guardia di Finanza che ha requisito beni mobili ed immobili, oltre a conti correnti e quote azionarie delle partecipazioni in Italia delle quattro banche.

Gli istituti di credito hanno successivamente chiesto la conversione in cash del sequestro preventivo.