Monetario, fondi equilibrati,spread euribor/eonia minimo 15 mesi

lunedì 25 maggio 2009 12:58
 

MILANO, 25 maggio (Reuters) - Il mercato monetario si trova in una situazione in cui, come da molto tempo non accadeva, la liquidità risulta bilanciata rispetto alla dovuta e attende il p/t a sette giorni di domani in cui le banche potrebbero chiedere abbondanti fondi alla Bce, o invece puntare sul nuovo p/t a 12 mesi, atteso entro giugno.

Lo spread tra il tasso euribor e l'eonia swpa, visto come un indicatore dello stato di fiducia del mercato ha registrato un nuovo restringimento ai livello di febbario 2008.

La situazione della liquidità, dall'inizio dell'attuale periodo di manteniento della riserva, sembra stia recuperando i valori pre-crisi: minore partecipazione ai finanziamenti della Bce, decisa riduzione della necessità di mettere i fondi in eccesso a deposito overnight, tasso di mercato che torna sul fisiologico livello del tasso del finanziamento principale, invece che su quello anomalo dei depositi.

Un quadro che suona addirittura inconsueto per alcune tesorerie, abituate da mesi a gestire l'emergenza.

"Il migliorato clima generale e la maggior fiducia che si è diffusa ha portato le banche a comportamenti più in linea con quello che si considera fisiologico" dice un tesoriere. "Anche se, proprio il fatto che l'utilizzo dei finanzimenti è ancora libero per le banche e non sia calmierato dalla Bce, lascia il mercato soggetto a ribaltamenti di posizioni" dicono in un'altra tesorieria, aggiungendo che "potrebbe non essere lontano il momento in cui la Bce tornerà ad indicare l'ammontare preciso di fondi da dare a finanziamento".

Per il p/t di domani, a fronte di quello in scadenza da 221 miliardi, le tesorierie indicano come benchmark un ammontare simile, mentre le richieste potrebbero essere di 15 miliardi maggiori.

"Può essere che una parte delle banche preferisca attendere l'emissione a 12 mesi, con la quale ci si può assicurare una posizione a lunga a un tasso [l'1%] bassissimo" dice un altro.

Sullo sfondo c'è poi l'attesa per i dettagli - il prossimo 4 giugno - per l'acquisto di covered bond da parte della Bce, che "dovrebbe dare un'ulteriore spinta alla distensione del mercato" dice un altro.

L'overnight stamane viene quotato dai broker internazionali a 0,85%-1,05%, un po' più alto sul Mid, verso l'1,10%. Il tasso di riferimento della Bce è all'1%.   Continua...